home page   |  Risultati della ricerca
 
Ricerca Avanzata » Farro della Garfagnana IGP
categoria:  Vegetali
Prodotto Composizione Processo Aziende
Regioni: Lombardia,

ASPETTO DEL PRODOTTO

Il "Farro della Garfagnana" è un cereale tipico della Garfagnana e presenta un genotipo che si è ben adattato al clima ed ai terreni locali. Le principali caratteristiche morfo-biologiche sono le seguenti:
- Altezza pianta (in centimetri) dai 110 ai 170
- Spighe aristate, mutiche o mucronate
 - Peso ettolitrico del seme vestito (minimo 40,0 kg)
 - Peso ettolitrico del seme nudo brillato (minimo 70,0 kg)
 - Caratteristiche dell'endosperma: prevalente struttura farinosa, con evidenti striature biancastre a seguito della brillatura
- Spiccata autunnalità, ovvero un ciclo che per compiersi adeguatamente deve partire da un semina autunnale fino alla raccolta nell'estate successiva

INGREDIENTI

Il farro è senza dubbio il cereale in chicchi più indicato per la sua versatilità, la facilità di cottura, il gusto e le caratteristiche nutrizionali.
È consigliabile scegliere sempre il farro decorticato e non quello perlato, poiché l'operazione di perlatura elimina gran parte delle fibre ma non porta alcun vantaggio in termini di gusto, abbassa solamente i tempi di cottura.

FASI DI PROCESSO

Le condizioni ambientali e di coltura del "Farro della Garfagnana" devono essere quelle tradizionali della zona, e comunque atte a conferire al prodotto le caratteristiche specifiche di tipicità. Sono pertanto da considerarsi idonei i terreni ubicati dai 300 ai 1000 metri s.l.m. con giacitura ed esposizione adatti. La semina, previa adeguata lavorazione del terreno e nel rispetto delle tradizionali rotazioni (in particolare il prato), deve effettuarsi con seme vestito derivante dalla popolazione locale con quantità che vanno dai 100 ai 150 kg per ettaro. È escluso l'impiego di concimi chimici, di fitofarmaci e di diserbanti. È ammesso l'uso di concimi organici. La produzione massima di granella vestita per ettaro non dovrà superare 25 quintali. Il prodotto ottenuto dovrà essere conservato in locali idonei senza l'utilizzo di antiparassitari. Le operazioni di brillatura saranno effettuate nelle zone di produzione con apposite macchine. La resa in brillato non potrà eccedere il 60% del prodotto iniziale. Il "Farro della Garfagnana" sarà commercializzato come seme brillato. Il Farro brillato sarà commercializzato in sacchetti da kg 0,5 – kg 1,0 - kg 5,0 - kg 10,0 - kg 25,0 - kg 50,0. Il sacchetto deve rispettare le norme di legge in vigore ed in particolare riportare le indicazioni sulla annata di produzione e la scadenza per il consumo. La confezione sarà adeguatamente sigillata.