home page   |  Risultati della ricerca
 
Ricerca Avanzata » Vitamina B8 o Biotina o Vitamina H
categoria:  Additivi
Prodotto Composizione Processo Aziende
Regioni: Piemonte,Valle d'Aosta,Lombardia,Trentino-Alto-Adige,Trentino-Alto-Adige,Veneto,Friuli-Venezia Giulia,Liguria,Emilia-Romagna,Toscana,Umbria,Marche,Lazio,Abruzzo,Molise,Campania,Puglia,Basilicata,Calabria,Sicilia,Sardegna,

DESCRIZIONE

La vitamina B8 o Biotina o Vitamina H  è una polvere cristallina bianca, con formula grezza C10H16N2O3S,  solubile in acqua ed in questo stato è resistente al calore, alle basi ed agli acidi.

Viene alterata da luce ultravioletta e  ossidanti  forti.

ORIGINE

E' contenuta nel fegato, tuorlo d'uovo, cioccolato, arachidi, piselli secchi, funghi, lievito di birra.

E' in parte sintetizzata anche dalla flora batterica intestinale.

La biotina viene assunta dagli alimenti in forma libera o legata alle proteine.

Il fegato rappresenta l'organo nel quale ne può essere immagazzinata una buona quantità.

UTILIZZO

La vitamina B8 o Biotina o Vitamina H svolge il ruolo di cofattore di diversi enzimi ATP dipendenti.

E'  essenziale all'organismo per il corretto svolgimento dei processi metabiolici collegati a sintesi degli acidi grassi, metabolismo delle proteine, utilizzazione di acido folico, acido pantotenico e  vitamine B2, B6, B12, sintesi degli ormoni.

L'utilizzo di grandi quantità di uova crude può portare ad una carenza di vitamina B8 perchè l'avidina dell'albume la inattiva.

La cottura distrugge l'avidina.

La carenza  di biotina  causa dolori muscolari, inappetenza, pelle secca, mancanza di energia, insonnia e disturbi al sistema nervoso. Gli organi più colpiti risultano essere  i genitali maschili, il midollo osseo, il fegato e i reni.

L’uso della biotina è stato efficace nella prevenzione della calvizie e dei capelli grigi.

La biotina ha un ruolo importante nel mantenimento delle ghiandole sebacee, dei nervi, del midollo osseo e delle ghiandole sessuali.

Si ritiene che un un consumo di vitamina H di 150 - 300 microgrammi al giorno soddisfi il fabbisogno  dell’organismo.

Quantità aggiuntive sono necessarie durante la gravidanza e l’allattamento.

Non sono noti effetti tossici da ipervitaminosi