home page   |  Risultati della ricerca
 
Ricerca Avanzata » Birra Lariana
categoria:  Vini e Bevande
Prodotto Composizione Processo Aziende
Foto: Camera di Commercio di Como
Regioni: Lombardia,

ASPETTO DEL PRODOTTO

Birra tipica della provincia di Como, a base di acqua del lago di Como ( filtrata e superata), malto d'orzo, luppolo, lievito, e farina di castagne (max 40 %), miele di castagno ed
acacia (per la rifermentazione)

E' una birra ambrata doppio malto a 6,5° alcolici (16,5° saccarometrici)

Presenta all'aroma note di miele di castagno e maltoso tipico delle birre doppio malto; al gusto ed al retrogusto si assapora un fine ma sensibile gusto di farina di castagne

INGREDIENTI

Acqua del lago di Como
Malto d'orzo
Luppolo
Lievito
Farina di castagne (max 40 %)
Miele di castagno
Miele di acacia

FASI DI PROCESSO

Il malto viene macinato e miscelato con acqua. A tale miscela si aggiunge la farina di castagne ed il tutto viene riscaldato
progressivamente fino a 77°C, passando attraverso pause di saccarificazione a temperature di 50, 66 e 72 °C in modo da disgregare l’amido contenuto nel
malto e nelle castagne in zuccheri più semplici, molti dei quali fermentescibili. Al termine di questa fase, la miscela è trasferita nel tino di filtrazione, nel quale si
separa il mosto limpido dallo scarto, costituito da trebbie di malto che vengono utilizzate come integratore alimentare nella dieta dei bovini. Il mosto limpido
viene successivamente portato a bollitura per sterilizzarlo e per estrarre i composti amaricanti ed aromatizzanti del luppolo aggiunto. Al termine della bollitura
si opera una decantazione dei torbidi formatisi (aggregati tanno-proteici) e successivamente, il mosto viene raffreddato fino alla temperatura di fementazione. La
fermentazione serve per trasformare gli zuccheri fermentescibili in alcool etilico, anidride carbonica ed una serie di composti secondari importanti per il gusto
della birra. Questa trasformazione si ottiene per mezzo dei lieviti aggiunti. Al termine della fermentazione (della durata di sette giorni) si ottiene la “birra verde”
cioè immatura, alla quale viene aggiunto il miele di castagno e di acacia che provocano una rifermentazione ed un affinamento del gusto. A questo punto la
birra viene travasata nel serbatoio di maturazione, nel quale riposa per un mese prima di essere servita.