home page   |  Risultati della ricerca
 
Ricerca Avanzata » Agrocybe aegerita o Agrocybe cylindracea
categoria:  Funghi e tartufi
Prodotto Composizione Processo Aziende
Foto Regione Lombardia - Ass. Mic. Bresadola
Regioni: Piemonte,Valle d'Aosta,Lombardia,Trentino-Alto-Adige,Trentino-Alto-Adige,Veneto,Friuli-Venezia Giulia,Liguria,Emilia-Romagna,Toscana,Umbria,Marche,Lazio,Abruzzo,Molise,Campania,Puglia,Basilicata,Calabria,Sicilia,Sardegna,

DENOMINAZIONE
  • Latina: Agrocybe aegerita (Briganti) Favoyd o Agrocybe cylindracea (De Cand.: Fr. Maire)
  • Nome volgare: Piopparello, pioppino
HABITAT

A gruppi numerosi, cespitosa, su tronchi vivi o morti di latifoglie, con predilezione per Populus, Ulmus, Acer. Fruttifica pi ù volte in un anno, dalla primavera al tardo autunno.

ASPETTO
  • CAPPELLO: fino a 15,0 cm di diametro, da emisferico a convesso, poi quasi appianato, talora con vago umbone, superficie liscia o più spesso minutamente corrugata, secca e tendente a fessurarsi grossolanamente con la siccità oppure un po’ untuosa a tempo umido; di colore bianco crema, camoscio, crosta di pane, più scuro al centro, talora, specialmente in piccoli esemplari, anche uniformemente bruno scuro.
  • IMENIO: lamelle adnate o appena decorrenti per un dentino, arcuate, molto alte (fino a 13 mm) e fitte, con presenza di numerose lamellule; da bianco latte a grigio-ocraceo, infine di color tabacco a maturazione delle spore.
  • GAMBO: pieno, di dimensioni estremamente variabili sia in lunghezza sia in diametro in relazione alle condizioni di crescita: talvolta grosso e corto, più spesso sottile e slanciato, più lungo del diametro del cappello, flessuoso, incurvato, bianco poi ocra-brunastro. Superficie liscia o longitudinalmente fibrillosa, talora finemente squamettata a tempo secco. Con anello alto, ampio, membranoso, persistente, bianco e poi bruno tabacco a causa della deposizione delle spore. Assenza di volva.
  • CARNE: di colore bianco, un po’ bruna alla base del gambo degli esemplari maturi, tenace, elastica. Odore caratteristico ed indefinibile, acido, come di vino.
  • MICROSCOPIA: spore ellissoidali, bruno chiaro al MS, di dimensioni 8,4-9,5 × 5,0-6,0 µm; basidi tetrasporici. Sporata bruna.
UTILIZZAZIONE ALIMENTARE

...

NOTE

Fungo comune in pianura ed inconfondibile, molto ricercato e di sicura ed ottima commestibilità. Si presta molto bene alla coltivazione su apposito substrato, normalmente in commercio. Porta rapidamente a morte la pianta che lo ospita e continua per parecchi anni a fruttificare sull’albero morto.