home page   |  Risultati della ricerca
 
Ricerca Avanzata » Agaricus bresadolanus
categoria:  Funghi e tartufi
Prodotto Composizione Processo Aziende
Foto Regione Lombardia - Ass. Mic. Bresadola
Regioni: Piemonte,Valle d'Aosta,Lombardia,Trentino-Alto-Adige,Trentino-Alto-Adige,Veneto,Friuli-Venezia Giulia,Liguria,Emilia-Romagna,Toscana,Umbria,Marche,Lazio,Abruzzo,Molise,Campania,Puglia,Basilicata,Calabria,Sicilia,Sardegna,

DENOMINAZIONE
  • Latina: Agaricus bresadolanus (Bohus)
HABITAT

Cresce sotto Robinia pseudoacacia, in vicinanza di pioppi, ma anche in parchi o giardini.

ASPETTO
  • CAPPELLO: da 5,0 a 10,0 centimetri di diametro, emisferico, poi piano-convesso, talvolta leggermente umbonato, con il margine sottile, regolare; biancastro o bianco-grigiastro, poi grigiastro-brunastro, più chiaro verso il bordo dove presenta fini fibrille sericee e più scuro verso il disco dove è ricoperto da minutissime squamette appressate.
  • IMENIO: lamelle libere, piuttosto fitte, dapprima rosa, poi bruno-porpora, con il filo fertile.
  • GAMBO: alto da 3,0 a 7,0 centimetri per 1,0-2,0 centimetri di diametro, cilindraceo, un po? bulboso, sodo, poi cotonoso-farcito, bianco, per manipolazione leggermente ingiallente alla base dove presenta evidenti rizoidi miceliari, ornato da minutissimi fiocchi. Anello supero, bianco, sottile, talvolta evanescente.
  • CARNE: bianca, al taglio leggermente arrossante, con odore leggero, gradevole e sapore dolce; reazione incrociata, con il reagente di Schäffer, negativa.
  • MICROSCOPIA: spore da ovoidali a ellissoidali, 5,9-7,2 × 4,4-4,8 µm, talvolta con una guttula; cheilocistidi assenti. Sporata porporina.
UTILIZZAZIONE ALIMENTARE

Provoca avvelenamenti a sindrome gastro-intestinale, probabilmente dovute a sostanze ?resinoidi? ad azione irritante sul tubo digerente.

I sintomi compaiono già al termine del pasto o poche (1-3) ore dopo.

La sindrome è caratterizzata da nausea, vomito, diarrea, cefalea, dolori addominali.

La morte è rara e si registra in bambini, soggetti defedati e comunque in seguito a trattamento inadeguato e/o tardivo a causa di un grave squilibrio elettrolitico.

NOTE

Provoca avvelenamenti a sindrome gastro-intestinale, probabilmente dovute a sostanze ?resinoidi? ad azione irritante sul tubo digerente.

I sintomi compaiono già al termine del pasto o poche (1-3) ore dopo.

La sindrome è caratterizzata da nausea, vomito, diarrea, cefalea, dolori addominali.

La morte è rara e si registra in bambini, soggetti defedati e comunque in seguito a trattamento inadeguato e/o tardivo a causa di un grave squilibrio elettrolitico.